BUTCHERS infiniti!!!! Campioni d’Italia

una strada lunga 34 anni ci ha portato sul gradino più alto!

Campioni italiani 2014-2015!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

la squadra campione, i trofei e i “nonni” fondatori

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

il brindisi a La Torre de Lari

http://www.butchers.it/

I tre trofei: Campionato provinciale, regionale e nazionale

I tre trofei: Campionato provinciale, regionale e nazionale

Annunci

Apriamo, anzi spalanchiamo le porte del giardino

Ebbene sì, come avevo fatto intendere con il post del 1 novembre, ormai il dado è tratto e le porte della nostra dimora stanno per aprirsi per tutti coloro che vorranno soggiornarvi.

Anni di meditazioni e il lento progredire dei lavori ci hanno pian piano convinto della bontà di questa scelta, anzi della sua assoluta opportunità.

Oggi, quando il nostro paese pare scrollarsi e accenna a riprendere un cammino, noi, nel nostro piccolo, vogliamo tentare di dare e darci un’opportunità di innovazione e prospettiva, insomma di giocarci le nostre carte.

In mano abbiamo questo poker di assi:

campora002 campora001 campora003campora004

Vi ho mostrato i “traditional rendering” (ovverosia acquerelli) di quello che tra poco sarà, almeno negli esterni della dimora.

Il grande giardino riunito e impreziosito da vari elementi decorativi pienamenti rispettosi della tradizione e delle caratteristiche del luogo, si offre per momenti di riposo e otium nella piena tranquillità del contesto.

Avremo la possibilità di godere di un bagno in piscina, di sorseggiare una bevanda all’ombra degli alberi, di leggere comodamente seduti o semplicemente di passeggiare meditabondi o in buona compagnia.

Questo è un esempio di ciò che potremo offrire ai nostri ospiti.

Parare 2 rigori in 1 minuto

Ieri, 7 marzo 2015, mi sono preso una grande soddisfazione.

Neri Landini, incidentalmente mio figlio, portiere degli Allievi B (1999) dell’ASD Impruneta Tavarnuzze durante il secondo tempo dell’incontro in casa del Belmonte sul punteggio di 2-0, ha parato 2 rigori praticamente consecutivi.

Breve cronaca: sul primo tiro dal dischetto Neri respinge d’istinto con i piedi, la palla va ad un attaccante che subisce subito fallo, nuovo calcio di rigore e stavolta Neri si supera gettandosi sulla sua destra e deviando sul fondo un tiro ben angolato. Il portiere è travolto dai compagni festanti!!!

La partita è finita 4-1 per l’ASD Impruneta Tavarnuzze

Nessuna foto, nessun filmato, ma tanta gioia

ONORE AL MERITO DI NERI

portierino

FIGURAZIONI ALLEGORICHE DELL’OSPITALITÀ NEL SOFFITTO DELLO SCALONE D’INGRESSO

Un possibile culto agreste dei domestici Lari romani è suggerito dall’atavica appartenenza al cristianizzato popolo di Sant’Ilario a Cholombaia con le tuttora conservate decorazioni pittoriche risalenti alla proprietà Fossi (dal 1814), che insistono sulla classicità delle figurazioni e sul simbolismo mitologicizzante di una Vigilanza, Allegrezza, Ospitalità, Amicizia e Pace quasi ricordarne le prestigiose antichità.

Il grande portone di accesso sulla via delle Campora sovrastato dallo stemma Strozzi-Machiavelli

Il grande portone di accesso sulla via delle Campora sovrastato dallo stemma Strozzi-Machiavelli

Le FIGURAZIONI ALLEGORICHE DELL’OSPITALITÀ NEL SOFFITTO DELLO SCALONE D’INGRESSO, sono poste nell’ampio vano cui si accede dal grande portone di accesso sulla via delle Campora sovrastato dallo stemma Strozzi-Machiavelli.

La figura centrale è una giovane donna seduta con le chiome raccolte che tiene in mano una lampada accesa nella mano destra. Attenta e sorridente sembra offrire all’ospite la sua VIGILANZA. E’ infatti affiancata da una bianca gru che tiene una grossa pietra con una zampa: efficace strategia per non cedere al sonno (officium natura docet) e (vel cum pondere) superare pene e fatiche di un’ascesa verso l’alto.

L'affresco dello scalone visto dalla prima rampa

L’affresco dello scalone visto dalla prima rampa

Le altre 4 figure ai lati, sempre rivolte all’ospite, sono dichiarate ALLEGREZZA che mesce un nettare “di vino”, OSPITALITA’ con le braccia aperte in un gesto accogliente, PACE che porge il ramoscello di olivo e AMICIZIA nell’offerta di molteplici chicchi di un melograno.

Villa Fossi, la rinascita: Analisi del 2014

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2014 per questo blog. Non è stato il massimo ma siamo andati in crescendo; sono certo che il 2015 porterà molte e interessantissime novità.

Auguri per tutti

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 750 volte nel 2014. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 13 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Albo d’Onore delle Dimore Storiche della Toscana

Correva l’anno 1999 e dopo un apposito Concorso, in data 27 maggio a Firenze in Palazzo Pandolfini, Villa Fossi veniva iscritta all’

Albo d’Onore delle Dimore Storiche della Toscana

per la categoria CONSERVAZIONE E RESTAURO in relazione all’attento ripristino di un importante complesso monumentale extracittadino.

Cerimonia di consegna del Diploma d'iscrizione all'Albo d'Onore

Cerimonia di consegna del Diploma d’iscrizione all’Albo d’Onore (maggio 1999)

Onore.1999.10002Ritirava il Diploma d’Iscrizione l’allora proprietario di Villa Fossi, Roberto Landini. Sullo sfondo il Presidente ADSI Toscana e promotore, Niccolò Rosselli Del Turco, giustamente soddisfatto per il successo dell’iniziativa.

Questo riconoscimento costituiva il segno del valore di quanto da noi fatto negli anni precedenti per salvare dal degrado questa importante dimora fiorentina.

Pubblico questo articolo in occasione del 15° anniversario dell’iscrizione nell’Albo d’Onore delle Dimore Storiche della Toscana